Àrhat Teatro

Ararat

Un altrove intessuto d'acqua.
Il diluvio.

Gli dei... il dio infuriato é placato
dalla sosta dell'uomo nell'arca danzata del ricordo.

Il primordiale nel corpo dell'attore.
Plasticità greca e movimento ritmato dall'onda del mare orientale.

Nulla è lasciato al caso.

Il contemporaneo - nella sua morsa - affonda
negli abissi dei riti.miti del tempo.

E l'esserci - come spettatore - nell'arca della platea.scenografia
è un tuffo nell'intimità profonda della natura.

La cima di Ararat, la montagna sacra, è raggiunta.
Sempre da ritrovare

Fiorenza Roncalli
Pittrice - Archeologa dell'istante

Bergamo, Domenica 22 ottobre 2006


[Torna all´inizio della pagina.]

Àrhat Teatro
Via Bietti, numero 44
24043 Caravaggio (Bergamo)
Telefono 3474195039
info@arhatteatro.it

Fotografie di Federico Buscarino
Via Suardi, 13
24124 Bergamo

Riprese e montaggio video:
Gigi Corsetti - Multimagine
Via Ghislandi, 51 53
24125 Bergamo

Copyright Àrhat Teatro


[Torna all´inizio della pagina.]